L’archivio dell’edilizia privata del Comune di Monterenzio

Di qui l’idea di realizzare un servizio prototipo, che sarebbe poi stato riproposto a tutte le Amministrazioni del territorio. Venne scelto un comune che, per le sue difficoltà finanziarie, difficilmente avrebbe potuto diventare un cliente ordinario. Si trattava del Comune di Monterenzio, situato nel territorio pedemontano ad Est di Bologna, che pur non avendo la possibilità, manifestò la forte esigenza di digitalizzare il proprio archivio.

Prendemmo quindi visione del materiale, la sua organizzazione e le difficoltà che comportava inserirlo in un progetto di digitalizzazione e archiviazione gestibile in maniera semplice ed ordinata, garantendo soprattutto la conservazione sicura dei dati. L’intero lavoro fu valutato 60.000 €, una cifra insostenibile dalla sola Cooperativa.

Il progetto venne quindi sottoposto all’attenzione della Fondazione del Monte di Bologna e di Ravenna e della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, che dimostrarono immediatamente il loro interesse. Si trattava di sostenere lo sviluppo imprenditoriale di una Cooperativa Sociale, con evidenti ricadute in termini di occupazione di soggetti svantaggiati, contemporaneamente si sarebbe sostenuto un Comune del territorio nel processo di digitalizzazione, e si sarebbero poste le basi per fornire un servizio analogo a tutte le municipalità dell’area metropolitana.

L’obiettivo di Virtual Coop era quello di coprire con finanziamenti esterni almeno 2/3 dei costi necessari per svolgere l’intero lavoro. Grazie al contributo delle Fondazioni si raggiunse una quota inferiore alla metà delle risorse complessive. Venne comunque deciso di attivare l’esperienza prototipo, facendosi carico dello sforzo necessario per raggiungere l’obiettivo.

Il Comune di Monterenzio accolse con favore la notizia che era possibile avviare i lavori. Iniziò una attività di riordino dell’archivio, conferendo il materiale da scansionare in piccole quantità e scaglionate nel tempo alla cooperativa, che ha provveduto tempestivamente ad eseguire il lavoro collocando i dati sui server del Comune e restituendo i documenti originali all’ufficio preposto.

Per effettuare l’attività sono stati assunti due lavoratori svantaggiati che, affiancati e supportati dal personale con più esperienza, hanno svolto il lavoro a in maniera egregia.

La ricerca dei finanziamenti e l’attività di riordino dell’archivio effettuata dal personale del Comune ha comportato un considerevole aumento dei tempi di esecuzione. Nel frattempo si sono avviate anche le attività di digitalizzazione degli archivi dei Comuni di: Minerbio, San Giorgio in Piano e dell’Unione Reno Galliera.

A conclusione di questa esperienza, possiamo dire che sono stati raggiunti quasi tutti gli obiettivi che si era prefissa la Cooperativa. In primo luogo, abbiamo acquisito il know-how necessario per svolgere la digitalizzazione di qualsiasi archivio di edilizia privata, iniziando la propagazione della stessa attività anche verso altri comuni dell’area metropolitana. Il Comune di Monterenzio tra non molto avrà il suo archivio completamente digitalizzato, senza alcun impiego di risorse, se non la manodopera necessaria per il riordino dei documenti pregressi.

La formazione e l’occupazione di nuovi lavoratori svantaggiati hanno tratto un importante impulso dalla realizzazione di questo progetto. Solo l’obiettivo di coprire i 2/3 dei costi necessari per la realizzazione del progetto non è stato raggiunto, ma resta comunque per la Cooperativa un importante investimento, che peraltro ha già cominciato a dare i suoi frutti.

Ancora una volta, se mai ce ne fosse bisogno, questa esperienza dimostra quanto sia importante la collaborazione tra i soggetti del Terzo Settore, in questo caso due Fondazioni e una Cooperativa Sociale, che sono andati in soccorso di una Amministrazione locale in difficoltà. Tale aiuto non è stato fine sé stesso, perché ha consentito di svolgere una attività di pubblica utilità che altrimenti si sarebbe dovuta procrastinare in un tempo forse anche molto lontano. La digitalizzazione effettuata consentirà di snellire le attività burocratiche di quella Amministrazione, rendendo più efficienti i servizi rivolti ai cittadini ed in particolare quelli destinati allo sviluppo del territorio e alla rigenerazione urbana.

Maurizio Cocchi
Presidente di Virtual Coop

 

Articoli relativi:

Scansione e digitalizzazione

L’archiviazione digitale di un documento è il procedimento tecnico...